La produzione dei nostri articoli è sospesa dal 10 al 21 Agosto per le vacanze estive.
Gli ordini pervenuti durante questo periodo saranno elaborati e prodotti alla riapertura.
Lo staff di Eglooh

Perché scegliere una penna stilografica anche se non sei un collezionista

Se non sei un collezionista molto probabilmente consideri la penna stilografica una penna come tante: un vero peccato e ti spieghiamo perché.

Ha un fascino senza tempo

I primi modelli di penna stilografica erano ricavati dall’incastro di due penne d’oca, dove quella interna fungeva da serbatoio per l’inchiostro e quella esterna da pennino. Nei secoli la magia alla base del loro funzionamento è rimasta inalterata, mentre la forma si è evoluta a favore di una maggiore praticità.

É una penna “importante”

La penna stilografica è artefice e custode di alcune tra le pagine letterarie più appassionanti: Mark Twain, Arthur Conan Doyle (creatore di “Sherlock Holmes”) ed Hemingway, ad esempio, la utilizzavano spesso come strumento di lavoro. Anche Albert Einstein, John Fitzgerald Kennedy, Barack Obama e Donald Trump sono stati più volte sorpresi a maneggiarne una.

Penna stilografica Homo Sapiens Bronze di Visconti

Penna stilografica Homo Sapiens Bronze Visconti - Eglooh

É un antistress

A differenza della scrittura digitale, quella analogica ti costringe a rallentare, dettando dei tempi più lenti che favoriscono la riflessione e generano delle piacevoli sensazioni, che nel caso della penna stilografica impugnata con un’inclinazione di 45° risultano amplificate.

Migliora la calligrafia

L’utilizzo della penna stilografica richiede pratica e dimestichezza nell’atto dello scrivere obbligando, in un certo senso, a una calligrafia più curata e regolare. Tracciare lettere sulla carta diventerà un piacevole esercizio capace di “guarire” anche i medici più criptici dando vita a una serie infinita di prescrizioni leggibili.

Penna stilografica Van Gogh Starry Night di Visconti

Penna stilografica Van Gogh Starry Night Visconti - Eglooh

É una scelta green

Introdurre nel tuo quotidiano una penna stilografica ti porterà senza accorgertene a ridurre o eliminare il consumo di penne usa e getta, smaltite il più delle volte in modo non corretto. Potrai affezzionarti anche al modello più economico, che ti garantirà comunque una durata maggiore di un modello a sfera. Basterà averne cura e tenere sempre una boccetta di inchiostro di riserva.

Può diventare una vera e propria passione

Difficilmente ti annoierai di una penna stilografica perché l’offerta di inchiostri con cui potrai personalizzarla è ampia, sia a livello di colori che di caratteristiche tecniche come i tempi di asciugatura, la saturazione o la scorrevolezza. Potrai persino ritrovarti collezionista per caso più che per scelta o vocazione, rendendoti conto di averne acquistata o ricevuta una per ogni momento significativo della tua vita (laurea, primo contratto di lavoro, ecc). Non è mai troppo presto o tardi per iniziare!

Penna stilografica Rembrandt Dark Forest di Visconti

Penna stilografica Rembrandt Dark Forest Visconti - Eglooh

Se la lettura di questo post ti ha suscitato curiosità o interesse sullo “stilo-verso”, dai uno sguardo alla nostra collezione di penne stilografiche. Potresti trovare il modello giusto per iniziare la tua prima collezione o l’ispirazione per un regalo tutt’altro che banale! E per ricevere uno sconto di benvenuto del 10% sul tuo primo ordine, non esitare a iscriverti alla Newsletter di Eglooh.